10:30 - 19:30

Lunedì - Venerdì

Via dell’Archivio di Stato, 15

00144 Roma

333.6476840

Confronta gli annunci

A che prezzo vendere casa

A che prezzo vendere casa

Come non sbagliare il prezzo di vendita della casa.

Questi gli errori da non commettere:

  1. Prezzo di vendita iniziale troppo alto. Sento già la classica frase del proprietario: “Tanto a scendere si fa sempre in tempo”; non negarmi che l’hai detta anche tu questa frase.   Anche se in parte è vero, a noi italiani piace sempre trattare (in questo siamo simili agli arabi) ma partire da un prezzo di vendita troppo alto, spesso porta solo danni alla alla vendita dell’immobile.   Il prezzo troppo alto, oltre a non portare contatti, allunga i tempi di vendita e determina numerosi ribassi che pussono ingenerare false aspettative per chi potrebbe esssere interessato all’immobile:  “Aspetto ancora che scende con il prezzo e poi faccio la mia offerta” oppure “Continua a scendere con il prezzo di vendita quindi ha delle difficoltà economiche”, vedo come posso approfittarne.

Alla domanda ” a che prezzo vendo casa” Il mio suggerimento è quello di partire da un prezzo di vendita non oltre il 10% della valutazione dell’immobile. Il 10% è di solito quella soglia mentale che porta l’acquirente a fare comunque una offerta; oltre tale percentuale é difficile che si ricevano offerte in quanto l’acquirente pensa di offrire una cifra troppo bassa rispetto le aspettative del proprietario, temendo di offenderlo.

  1. Prezzo di vendita non chiaro. Il prezzo di vendita non è chiaro se lo si nasconde con un Trattative Riservate; questa indicazione deve essere utilizzata solamente per gli immobili di prestigio molto importanti e in zone precise ed in alcuni casi di attività commerciali.  Oltre queste motivazioni, il Trattative Riservate, nasconde un prezzo che solitamente è alto e fuori mercato e la gente non vuole perdere tempo, si attraggono solo curiosi.  Immagina di essere davanti una vetrina di un negozio e vedi qualcosa che ti piace; il prezzo rappresenta spesso la decisione se varcare o meno la soglia del negozio.   Se l’articolo ti piace così come puoi permetterti il prezzo, entrerai e lo comprerai, diversamente passi oltre.

Alla domanda “a che prezzo vendo casa” Il mio suggerimento é quello di specificarlo con chiarezza e in modo univoco su tutti i mezzi pubblicitari. Cerchiamo chi realmente chi vuole comprare e può comprare a quel prezzo .

  1. Non decidere il tuo prezzo di vendita basandoti solo sulgli annunci di vendita degli altri venditori. Sui vari portali di annunci immobiliari e siti internet di Agenzie trovi immobili di tutti i tipi e i prezzi più diversi.    I prezzi reali del mercato immobiliare però non sono quelli esposti in pubblicità; i veri prezzi di vendita sono quelli che sono stati trattati e ottenuti strappandosi i capelli e non dormendoci la notte e che alla fine si incassa all’atto notarile.     Anche Noi Agenti Immobiliari leggiamo gli annunci pubblicitari ma li analizziamo con il filtro della nostra esperienza; i venditori, invece, spesso prendono gli annunci per “oro colato” in quanto sono gli unici dati a disposizione.

Alla domanda “a che prezzo vendo casa”. Il mio consiglio è quello di dare ascolto un pò di più  al tuo Consulente Immobiliare e alla sua esperienza e fidarti di meno di ciò che vedi solo esposto su un sito di annunci immobiliari che spesso non rappresenta in pieno la realtà dell’immobile.

  1. Sii disponibile alle trattative sul prezzo di vendita. Si mandano a monte tante trattative perché il proprietario si “incaponisce” su una questione di principio anziché di sostanza.     Il tempo mi ha sempre dato ragione e so che continuerà a darmela perchè l’Agente Immobiliare non vede nella chiusura di una trattativa solo il suo compenso ma sopratutto un’opportunità obiettiva per il proprietario che spesso non vede perché é coinvolto emotivamente.   Poca capacità empatica personale nelle relazioni e un orgoglio poggiato solo su convinzioni personali sono due fatti che sono come un cancro per le trattative di compravendita.

Alla domanda “a che prezzo vendo casa”. Il mio consiglio è che quando si  aprono le trattative bisogna riflettere e ragionare come se quell’offerta sarà l’ultima che riceverai, l’ultima opportunità che hai per vendere il tuo immobile; se ti senti insoddisfatto, offeso o in generale non tranquillo, fai una pausa e poi ritorna sul “pezzo” valutando le opportunità per poter finalmente raggiungere i tuoi obiettivi.

Non c’è posto per le emozioni all’interno di una trattativa immobiliare…

Post correlati

La provvigione pagata all’agenzia immobiliare si può detrarre dal 730?

La provvigione pagata all'agenzia immobiliare può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Vediamo come e per quanto.

Continua a leggere
di supporto

Vendere l’usufrutto. Quando si può e come.

Vendere l'usufrutto è una ulteriore possibilità del proprietario di monetizzare il suo immobile...

Continua a leggere
di supporto

Adeguamento Istat per gli affitti. Diritti e doveri di inquilino e proprietario.

Adeguamento Istat per gli affitti: Cosa fare alla scadenza annuale del contratto se la richiesta...

Continua a leggere
di supporto

Partecipa alla discussione