10:30 - 19:30

Lunedì - Venerdì

Via dell’Archivio di Stato, 15

00144 Roma

333.6476840

Confronta gli annunci

Le tasse sull’acquisto della seconda casa

Le tasse sull’acquisto della seconda casa

Le tasse sull’acquisto della seconda casa, da privato o da impresa.

Le tasse sull’acquisto della Seconda Casa variano a seconda se la si acquista da una impresa o dal privato.

Se chi vende è un’impresa la regola generale è che la compravendita è esente da Iva. In tale caso le tasse sull’acquisto della seconda casa che l’acquirente dovrà pagare sono:

  • l’imposta di registro in misura del 9%;
  • l’imposta ipotecaria fissa di 50 euro;
  • l’imposta catastale fissa di 50 euro.

Alla compravendita si applicherà invece l’Iva nei seguenti casi:

  • per le cessioni effettuate dalle imprese costruttrici o di ripristino dei fabbricati entro 5 anni dall’ultimazione della costruzione o dell’intervento oppure anche dopo i 5 anni, se il venditore sceglie di assoggettare l’operazione a Iva (la scelta va espressa nell’atto di vendita o nel contratto preliminare)
  • per le cessioni di fabbricati abitativi destinati ad alloggi sociali, per le quali il venditore sceglie di sottoporre l’operazione a Iva (la scelta va espressa nell’atto di vendita o nel contratto preliminare).

In questi casi, le tasse sull’acquisto della seconda casa che l’acquirente dovrà pagare sono:

  • l’Iva al 10% (per le cessioni e gli atti di costituzione di diritti reali di case di abitazione (anche in corso di costruzione) classificate o classificabili nelle categorie catastali diverse da A/1, A/8 e A/9,
  • ovvero l’Iva al 22% per le cessioni e gli atti di costituzione di diritti reali aventi a oggetto immobili classificati o classificabili nelle categorie A/1, A/8 e A/9
  • l’imposta di registro fissa di 200 euro
  • l’imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • l’imposta catastale fissa di 200 euro.

Se il venditore invece è un privato le Tasse sull’acquisto della Seconda Casa che l’acquirente dovrà pagare sono:

  • l’imposta di registro del 9%
  • l’imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • l’imposta catastale fissa di 50 euro.

Le imposte di registro, ipotecaria e catastale sono versate dal notaio al momento della stipula dell’atto definitivo di compravendita, al netto dell’imposta di registro versate nella registrazione del preliminare.

Post correlati

La provvigione pagata all’agenzia immobiliare si può detrarre dal 730?

La provvigione pagata all'agenzia immobiliare può essere detratta dalla dichiarazione dei redditi. Vediamo come e per quanto.

Continua a leggere
di supporto

Vendere l’usufrutto. Quando si può e come.

Vendere l'usufrutto è una ulteriore possibilità del proprietario di monetizzare il suo immobile...

Continua a leggere
di supporto

Adeguamento Istat per gli affitti. Diritti e doveri di inquilino e proprietario.

Adeguamento Istat per gli affitti: Cosa fare alla scadenza annuale del contratto se la richiesta...

Continua a leggere
di supporto

Partecipa alla discussione