10:30 - 19:30

Lunedì - Venerdì

Via dell’Archivio di Stato, 15

00144 Roma

333.6476840

Confronta gli annunci

Unione Civile e Contratto di Convivenza. Legge Cirinnà.

Unione Civile e Contratto di Convivenza. Legge Cirinnà.

Effetti, contenuto e forma dell’ Unione Civile introdotta dalla legge Cirinnà.

L’ Unione Civile con il contratto di convivenza è una delle novità introdotte dalla legge sulle unioni civili e sulle convivenze di fatto, la legge 20.05.2016 n.76 (c.d. Legge Cirinnà).

Il contratto in oggetto può essere stipulato da coppie legate da un vincolo affettivo che decidono di vivere insieme ed è costituito dagli accordi con cui la coppia stessa definisce le regole della convivenza regolamentando i rapporti patrimoniali e alcuni rapporti personali. (c.d. convivenza more uxorio).

Effetti del contratto di convivenza

Dal contratto di Unione Civile nascono veri e propri obblighi a carico delle parti che lo hanno sottoscritto e se questi vengono violati l’altra parte può rivolgersi al giudice per ottenere ciò che le spetta.  La durata del contratto coincide con la durata dell’ Unione Civile e della convivenza e alcuni accordi servono proprio per regolamentare gli effetti che possono esserci dalla cessazione del rapporto di convivenza, come i rapporti patrimoniali.

Contenuto del contratto

Nel contratto di convivenza  è possibile regolamentare gli aspetti patrimoniali dell’Unione Civile in relazione a:

  • come dividere la proprietà dei beni acquistati nel corso della convivenza;
  • come definire i reciproci rapporti patrimoniali in caso di cessazione della convivenza;
  • come decidere l’uso della casa adibita a residenza comune;
  • come dividere le spese comuni;
  • come impegnarsi all’assistenza reciproca in tutti i casi di malattia fisica o psichica, o designarsi reciprocamente come amministratore di sostegno.

Forma e pubblicità del contratto di convivenza per l’ Unione Civile

Per sancire l’ Unione Civile bisogna stipulare il contratto di convivenza e la legge prescrive la forma scritta a pena di nullità, mediante atto pubblico o scrittura privata autenticata da un notaio o da un avvocato, che devono attestarne la conformità alle norme vigenti e all’ordine pubblico.

Infine, per rendere l’ Unione Civile opponibile ai terzi, il notaio o l’avvocato che hanno stilato o autenticato l’atto devono trasmetterne una copia al Comune di residenza dei conviventi, per essere iscritto nei registri dell’anagrafe, nei quali è registrata la convivenza stessa.

Post correlati

Vendere l’usufrutto. Quando si può e come.

Vendere l'usufrutto è una ulteriore possibilità del proprietario di monetizzare il suo immobile...

Continua a leggere
di supporto

Adeguamento Istat per gli affitti. Diritti e doveri di inquilino e proprietario.

Adeguamento Istat per gli affitti: Cosa fare alla scadenza annuale del contratto se la richiesta...

Continua a leggere
di supporto

Occupare la strada per parcheggiare è lecito?

Occupare la strada (che è suolo pubblico) per parcheggiare, con oggetti di vario genere a scopo...

Continua a leggere
di supporto

Partecipa alla discussione